SigiltecH - Economia circolare

economia circolare economia circolare economia circolare economia circolare Transizione Ecologica
Incentrati sulla sostenibilità
Riutilizzabili
SigiltecH per l'Ambiente Sigilli e Prodotti Antimanomissione Alcune Soluzioni Omologa Ministero
Sviluppo Economico
economia circolare

La nostra filosofia

Difendere l’economia circolare e sostenibile

L’economia circolare è un concetto basato sull’intelligenza della natura, la quale, opponendosi al processo di produzione lineare con i suoi concetti di “estrarre, trasformare, scartare” sta raggiungendo i suoi limiti fisici. Nel processo circolare i rifiuti sono un input per la produzione di nuovi prodotti.

Si presenta un cambiamento nel modo di consumare, dall’aspetto dei prodotti alla nostra connessione con materie prime e rifiuti.

L’Economia Circolare è l’essenza che riconsidera i modelli economici che mirano a mantenere in circolazione prodotti, componenti e materiali sfruttando il massimo valore e utilità tra le fasi tecniche e biologiche.

Per analizzare meglio la proposta dell’Economia Circolare, basta rendersi conto che è influenzata dai concetti ciclici della natura dove tutti i materiali come piante, acqua o cibo sono completamente riutilizzati dall’ambiente.

Nell’ambiente, i resti di frutta consumati dagli animali, per esempio, si decompongono e diventano fertilizzanti per le piante. Questo concetto è anche chiamato “Cradle to Cradle” (dalla culla alla culla), dove non si ha idea di sprechi e tutto è continuamente disponibile per un nuovo ciclo.

Rifiuti e Riciclaggio

Le differenze

RIFIUTI

I rifiuti sono il risultato di prodotti che non vengono più utilizzati e quindi scartati o rilasciati nell’ambiente.

 

RICICLAGGIO

Conversione di un materiale utilizzato in un nuovo prodotto, esclusi il recupero di energia e l’uso del prodotto come combustibile.

Qualsiasi materiale per il quale non abbiamo un processo di riciclaggio finisce per diventare rifiuto.

economia circolare
SigiltecH Economia Circolare

Economia Circolare

Definizione

Il concetto di economia circolare va oltre il concetto delle tre “R”: riduzione, riutilizzo e riciclaggio, perché unisce, almeno in teoria, il modello sostenibile con l’evoluzione tecnologica e commerciale del mondo attuale.

È un sistema rigenerativo in cui si riducono al minimo l’ingresso di risorse e rifiuti, l’emissione di energia e le perdite, diminuendo la velocità, limitando i materiali e i cicli energetici utilizzati.

Il progetto di economia circolare comprende anche la creazione di sistemi di riparazione, riutilizzo e rigenerazione, oltre a un riciclaggio efficace, in cui le materie prime mantengono o addirittura aumentano il proprio valore.

I diversi cicli di riciclaggio

Ciclo chiuso

È caratterizzato dal ritorno di un determinato prodotto, dal quale il materiale costituente viene estratto selettivamente per la fabbricazione di un altro prodotto simile all’originale.

Ciclo aperto

La sua caratteristica principale è il ritorno di materiali come metalli, plastica, vetro, carta, imballaggi e altri alla catena di produzione sotto forma di materie prime.

Ciclo secondario (Subcycling)

È il processo di recupero di un materiale da riutilizzare come prodotto con un valore inferiore, ovvero l’integrità del materiale è in qualche modo compromessa con il processo di recupero.

economia circolare
RICHIEDI PREVENTIVO